Carburante ad idrogeno che funziona con normali motori. Progetto inglese segreto si svela

Una splendida novità in materia di carburanti: si tratta di una nuova soluzione che non emetterebbe Co2 con la combustione, economico (costo di produzione circa 50 centesimi di dollaro al litro) e capace di funzionare anche sugli attuali motori benzina e diesel. E’ il nuovo progetto di benzina senza petrolio nato nel mondo inglese. Sviluppato dall'azienda Cella Energy 1, dopo quattro anni di ricerche segrete, condotte con i laboratori Rutherford Appleton di Oxford, si tratta di un carburante a idrogeno.


Cella Energy spiega che il nuovo carburante sintetico non produrrebbe emissioni nocive, costerebbe circa 1 dollaro e 50 al gallone, attorno ai 50 centesimi di euro al litro e funzionerebbe anche sui motori a scoppio. L'idea del nuovo carburante è la conservazione dell'idrogeno in una maniera innovativa, più semplice ed economica. L'incapsulamento sviluppato da Cella Energy permetterebbe, grazie alle nanotecnologie, di produrre microfibre di materiale di spessore fino a 30 volte inferiore a un capello. Questo nuovo materiale forma una fibra capace di contenere tanto idrogeno quanto i tradizionali contenitori speciali. Ricordiamo che l’idrogeno produce circa tre volte l'energia di una stessa quantità di carburante basato sul petrolio e dai tubi di scappamento esce solo acqua.
 

Il progetto del nuovo carburante è stato portato avanti dall'equipe del professor Stephen Bennington, in collaborazione con scienziati delle università di Oxford e di Londra, impiegando materie ad alta energia e una tecnica di nanostrutturazione chiamata elettrospray coassiale. Uno degli studiosi ha spiegato: “Abbiamo sintetizzato un carburante che può essere utilizzato nei motori attuali, rimpiazzando i combustibili tradizionali. Abbiamo impiegato materiali basati sull'idrogeno, che quindi non producono emissioni nocive, come se il motore utilizzato fosse elettrico”.


 
 

6 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply

6 Commenti

  •  
    andrea
    31/12/2012 alle 9:38:34

    E' la fine del mondo!!

  •  
    francesco
    30/12/2012 alle 2:26:30

    e una bella invenzione non vedo l'ora che si metta in funzione.

  •  
    Tudor
    30/12/2012 alle 13:05:41

    Wow. ma come viene prodotto il nuovo combustibile non è spiegato? ! E poi perché non lo mettono in pratica questo progetto? ogni volta ci sono nuove scoperte e poi non sono messe in funzione.

  •  
    pietro
    22/12/2012 alle 16:50:16

    sperando non facciano sparire invenzione ed inventori come precedenti

  •  
    ernesto
    22/02/2011 alle 19:21:12

    a quanto l'immissione in commercio? sarebbe la soluzione a quasi tutti i problemi in specialmodo x l'ambiente e le mie tasche....

T2 = 1.757,8125
T3 = 1.757,8125
T4 = 1.757,8125
T5 = 1.757,8125
T6 = 1.757,8125
T7 = 3.125,0000 > 27301,4 > 27301,37